MISURE DI AGEVOLAZIONE

Purché mantengano i requisiti di legge, le PMI innovative possono usufruire delle agevolazioni previste senza limiti di tempo.

Esonero dall’imposta di bollo

Le PMI innovative sono esentate dal pagamento dell’imposta di bollo dovuta per l’iscrizione nella sezione speciale del Registro delle Imprese e per gli atti connessi al Registro.

Deroghe alla disciplina societaria ordinaria

Le PMI innovative costituite in forma di Srl possono effettuare una serie di azioni tipicamente attribuibili soltanto alle Spa e Sapa.

LA PMI INNOVATIVA SRL PUO’:

  • Creare categorie di quote dotate di particolari diritti
  • (ad esempio, si possono prevedere categorie di quote che non attribuiscono diritti di voto o che ne attribuiscono in misura non proporzionale alla partecipazione)
  • Effettuare operazioni sulle proprie quote
  • Emettere strumenti finanziari partecipativi
  • Offrire al pubblico quote di capitale

Proroga del termine per la copertura delle perdite

In caso di riduzione del capitale di oltre un terzo, il termine entro il quale la perdita deve risultare diminuita a meno di un terzo viene posticipato al secondo esercizio successivo (invece del primo esercizio successivo). In caso di riduzione del capitale per perdite al disotto del minimo legale, l'assemblea, in alternativa all'immediata riduzione del capitale e al contemporaneo aumento dello stesso ad una cifra non inferiore al minimo legale, può deliberare il rinvio della decisione alla chiusura dell’esercizio.

Inapplicabilità della disciplina sulle società di comodo

Le PMI innovative non sono soggette alla disciplina delle società di comodo e delle società in perdita sistematica. Pertanto, nel caso conseguano ricavi “non congrui” oppure siano in perdita fiscale sistematica non scattano nei loro confronti le penalizzazioni fiscali previste per le cosiddette società di comodo (ad esempio, l’imputazione di un reddito minimo e di una base imponibile minima ai fini Irap, l’utilizzo limitato del credito IVA, l’applicazione della maggiorazione Ires del 10,5%).

Remunerazione attraverso strumenti di partecipazione al capitale

La PMI innovativa può remunerare i propri collaboratori con strumenti di partecipazione al capitale sociale (come le stock option), e i fornitori di servizi esterni attraverso schemi di work for equity. A questi strumenti fa capo un regime fiscale e contributivo di estremo favore, cioè non rientrano nel reddito imponibile ma sono soggetti soltanto alla tassazione sul capital gain.

Incentivi fiscali per investimenti nel capitale di rischio di PMI innovative

L’agevolazione prevede per le persone fisiche una detrazione Irpef pari al 30% dell’investimento (fino a un massimo di 1 milione di euro) e per le persone giuridiche una deduzione dall’imponibile Ires del 30% dell’investimento (fino a un massimo di 1,8 milioni di euro).
Gli incentivi valgono sia in caso di investimenti diretti, sia in caso di investimenti indiretti per il tramite di OICR e altre società che investono prevalentemente in questa tipologia di impresa.

Possibilità di raccolta capitali con campagne di equity crowdfunding

Dal 2013 anche le PMI innovative possono effettuare campagne di equity crowdfunding rivolte agli OICR e alle altre società di capitali che investono prevalentemente in start-up innovative e in PMI innovative. Ciò consente una diversificazione di portafoglio e, pertanto, una riduzione del rischio per l’investitore retail.
In via derogatoria rispetto alla disciplina ordinaria, il trasferimento delle quote di startup innovative e PMI innovative viene dematerializzato, con conseguente riduzione degli oneri connessi.
Con la delibera del 24 febbraio 2016 Consob ha aggiornato il Regolamento sull’equity crowdfunding(http://www.consob.it/documents/46180/46181/reg_consob_2013_18592.pdf/54eae6e4-ca37-4c59-984c-cb5df90a8393) apportando ulteriori semplificazioni.
Infine, la Legge di Bilancio 2017 (art. 1, comma 70) ha avviato il percorso di estensione dell’applicabilità dello strumento a tutte le PMI italiane.

Si tratta di un fondo pubblico che facilita il finanziamento bancario attraverso la concessione di garanzie sui prestiti bancari (http://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/Guida_Fondo_Centrale_di_Garanzia_startup.pdf).
La garanzia copre fino all’80% del credito erogato dalla banca alla PMI innovativa (fino a un massimo di 2,5 milioni di euro) e può essere concessa attraverso una procedura semplificata. È possibile richiedere informazioni o controllare lo stato delle richieste accedendo al seguente indirizzo: 
(http://www.fondidigaranzia.it/) 

Agenzia ICE:servizi ad hoc per l’internazionalizzazione delle PMI innovative

L’Agenzia fornisce assistenza in materia normativa, societaria,fiscale, immobiliare, contrattualistica e creditizia: le PMI innovative hanno diritto a uno sconto del 30% sui costi standard, esigibile mediante richiesta dell’apposita “Carta Servizi PMI Innovative”, all’indirizzo urp@ice.it.
Inoltre, per favorire l’incontro con potenziali investitori esteri, l’ICE accompagna a titolo gratuito o a condizioni agevolate le PMI innovative ad alcune delle principali manifestazioni internazionali in tema di innovazione:il calendario delle attività in programma viene reso disponibile sul portale www.innovationitaly.it/en/.




àPMI innovative




Login